Andare al contenuto

FAQ

Con la funzione «Journey Planner» si intende la ricerca di un collegamento tra due fermate. Queste due fermate non devono necessariamente trovarsi sulla stessa corsa/tratta, ciò significa che possono includere anche dei cambi. Sinonimi sono «ricerca percorso» e «routing».
opentransportdata.swiss non offre questo tipo di servizio. Offre tuttavia la base dei dati con i record dell’orario per sviluppare autonomamente un Journey Planner. Integrando una delle due API di previsioni corsa, opentransportdata.swiss offre la possibilità di aggiungere il Journey Planner con informazioni in tempo reale.


I termini vengono spesso utilizzati in modo analogo in combinazioni diverse. I dati in tempo reale sono dati che vengono creati e trasmessi ad hoc. Si può quindi trattare di dati pianificati, previsionali e/o effettivi.
Con dati previsionali si intendono quei dati che vengono calcolati sulla base della situazione attuale, ad es. ora di arrivo e di partenza nella prossima fermata.
I dati effettivi comprendono le informazioni su quando e dove avviene effettivamente la circolazione. Normalmente questi dati sono disponibili solo a posteriori, raramente in tempo reale.


Solo su opentransport.swiss esistono più elenchi e tabelle con le fermate della Svizzera. Altri si trovano su altre piattaforme e portali. L’origine di tutti i dati sulle fermate della Svizzera è DiDok. Per questo motivo il record di dati DiDok è anche quello originale e il più aggiornato. Oltre a ciò c’è anche l’elenco delle stazioni estratto dal record di dati dell’orario attuale (HRDF) che funge da base per la request nell’indicatore partenze/arrivi.


I file CSV sono codificati come UTF-8. Ciò può causare problemi durante la «regolare» apertura di file CSV in Excel, poiché Excel proviene da un altro insieme di caratteri.

La seguente procedura può aiutare: collocare una tabella vuota in Excel e successivamente selezionare nel menu dati / richiamare dati esterni / da testo. Dopo aver selezionato il file, può dunque essere immesso «Unicode (UTF-8)» nel successivo step di dialogo sotto l’origine del file.

 


Viene fornito nuovamente uno status 429.

La risposta del servizio è la seguente: